Le diete Lampo

Perché le diete lampo non sono davvero efficaci

Diciamo la verità, le diete lampo sono il modo più furbo per scrollarsi di dosso i chili in eccesso in pochissimi giorni. Ma queste quick diet fanno davvero bene alla linea e alla salute? No.

Vuoi tornare in forma dopo le vacanze estive o semplicemente vuoi rientrare in quei jeans comprati mesi fa e che oggi ti stanno stretti? Qualunque sia il tuo obiettivo, non devi chiederti “come perdere 5 kg in fretta”. Piuttosto, domandati come farlo in modo sano e sostenibile.

Le diete restrittive che ti promettono di perdere molti chili in poche settimane se non addirittura giorni, spesso sono soltanto uno specchietto per le allodole di sedicenti esperti di nutrizione.

Non c’è modo più sbagliato di affrontare un percorso di dimagrimento. Probabilmente una dieta lampo di 1 settimana potrebbe farti raggiungere risultati immediati, ma è sugli effetti e le conseguenze a lungo termine che dovresti ragionare.

Come mai? Te lo spieghiamo in questo articolo. Continua a leggere.

Cos’è una dieta lampo e come funziona

Come ti abbiamo detto più volte non esiste in assoluto la migliore dieta per dimagrire. Ma di certo non lo può essere una dieta lampo che riesce a farti perdere 5 o più kg in appena una settimana.

Le diete veloci di fatto sono regimi alimentari molto restrittivi seguiti per periodi brevi di tempo e che hanno l’obiettivo di far perdere peso e cm rapidamente.

Ne esistono di diverse tipologie: dieta chetogenica a bassissimo introito di calorie (VLCKD), dieta iperproteica (es. la Dukan), digiuno intermittente o dieta fortemente ipocalorica. Al di là delle singole specificità, queste quick o lightning diets hanno 3 caratteristiche comuni, ovvero:

  1. Deficit calorico importante;
  2. Riduzione se non eliminazione completa dei carboidrati;
  3. Periodo di tempo limitato.

Sul web è possibile trovare numerose versioni di regimi dietetici rapidi, con durate diverse ma sempre superiori ai 5 giorni. Di base sono diete con una maggiore componente proteica, un buon introito di verdure soprattutto crude e la quasi totale assenza di carboidrati

A questo si accompagna ovviamente una buona idratazione quotidiana (almeno 2 litri di acqua al giorno), pasti frequenti e regolari e attività fisica.

Il rischio di queste diete è che vengano seguite arbitrariamente, senza consultarsi con un esperto in nutrizione. Le conseguenze – come vedremo anche nei prossimi paragrafi – possono essere anche molto pericolose per la salute.

La dieta lampo è efficace?

Una risposta secca alla domanda del titolo sarebbe “No”. La perdita di peso corporeo, intesa come perdita di massa grassa, richiede dei tempi fisiologici specifici per la singola persona.

Tieni presente che 1 Kg di grasso corrisponde più o meno a 7000 Kcal. Pur riducendo l’introito calorico giornaliero, è molto facile comprendere che per smaltire realmente il primo chilo di massa grassa ci vorranno tempi sicuramente molti di più di quelli promessi dalle “diete lampo dei 5, 6 o 7 giorni”.

E allora quei chili che si perdono subito all’inizio del cambio di alimentazione cosa sono? Semplicemente liquidi in eccesso e glicoceno. Nelle cellule di grasso (adipociti) oltre ai lipidi c’è anche l’acqua. 

Quando restringiamo le calorie introdotte, le cellule si sgonfiano rapidamente perdendo l’acqua contenuta. È da questo in sostanza che dipende il segno meno sulla bilancia nei primi giorni di dieta.

Ciò che spesso si ignora è che il nostro organismo prende energia dal cibo che si mangia. Ed è con questa energia che può assolvere a gran parte delle sue necessità fisiologiche.

Questo è anche il motivo per cui esiste un fabbisogno calorico da rispettare quotidianamente, ovvero una precisa quantità di calorie da introdurre in base a età, sesso e stile di vita. Apporti calorici troppo bassi rischiano di alterare il perfetto equilibrio del nostro corpo.

Continua a leggere per scoprire perché le diete lampo non sono così sicure.

Leggi anche: “Cibo e energia: la migliore combinazione”.

Perché le diete lampo sono controproducenti?

Una dieta lampo è tutt’altro che super efficace. Piuttosto si tratta di un regime restrittivo e sbilanciato in nutrienti e calorie, ma anche debilitante per il nostro organismo. I benefici – in termini di peso – immediati si traducono spesso in danni alla salute.

Quali sono i rischi?

  1. Carenze nutrizionali, di vitamine ed elettroliti;
  2. Compromissione dell’equilibrio ormonale, con irregolarità del ciclo mestruale delle donne;
  3. Malassorbimento di alcune vitamine;
  4. Alterazione del microbiota intestinale;
  5. Catabolismo muscolare;
  6. Debolezza e astenia;
  7. Tendenza a pressione e glicemia bassa;
  8. Anemia.

Ma ciò che è davvero controproducente è il cosiddetto effetto yo-yo. L’organismo reagisce alla restrizione calorica rallentando il metabolismo basale. Con questo meccanismo non saranno i depositi di grasso a diminuire, ma il corpo andrà a prendere l’energia che gli serve dalla massa magra, ovvero i muscoli.

Quando, dopo il periodo di dieta ipocalorica, tornerai a mangiare normalmente è quasi scontato che riprenderai anche tutti i chili persi sotto forma di grasso, e con tanto di interessi. Questo perché la massa magra muscolare è quella metabolicamente più attiva e preservarla significa avere a disposizione una componente corporea capace di aiutarti a bruciare le calorie in eccesso introdotte con l’alimentazione.

Se vuoi davvero dimagrire quindi metti da parte sedicenti diete lampo più o meno efficaci, e leggi i nostri consigli per perdere peso in maniera corretta.

Dimagrimento lampo? no grazie. I nostri consigli per perdere peso in modo sano

Per dimagrire in maniera efficace e soprattutto sana, devi semplicemente armarti di molta pazienza. Perdere peso nella maniera giusta richiede tempo. È un investimento che devi fare se vuoi ottenere risultati che siano tanto sorprendenti quanto duraturi.

Ma ecco quello che devi fare:

  1. Essere realista: perdere peso richiede un periodo lungo e le diete drastiche alla lunga non sono sostenibili;
  2. Rivolgerti ad un professionista: sarà lui a stilare un programma e ad accompagnarti  passo passo lungo il tuo percorso alimentare;
  3. Mangiare sano ed equilibrato: mangia tutto e in quantità moderate, senza escludere alcun macronutriente essenziale;
  4. Attività fisica costante: una camminata veloce ogni giorno o una passeggiata in bicicletta, possono essere più che sufficienti.

Curare ogni giorno il tuo stile di vita ti permetterà di mantenere la linea nel tempo e di godere di tutti i benefici di un corpo in salute.