Le ricette con le castagne

3 ricette con le castagne che devi provare

Dalle ricette più semplici a quelle più saporite, le castagne sono le regine indiscusse dell’autunno.

Ottobre e Novembre sono i mesi in cui le foglie cadono dagli alberi, così come i ricci che si schiudono rivelando il loro prezioso e salutare contenuto.

Sì, perché le castagne nonostante l’alto contenuto calorico fanno anche bene. C’è chi le mangia crude, appena raccolte, chi invece preferisce cuocerle al forno o ridurle in farina. Le castagne sono così versatili da poter essere consumate in tantissimi modi e ricette.

La castagna è il frutto autunnale per eccellenza e non può affatto mancare sulla nostra tavola, sia come snack tra un pasto e l’altro che come ingrediente di ricette dolci e salate.

Del resto, immagina questa scena: l’aria frizzante fuori, il caldo tepore del camino acceso e le castagne che scoppiettano sul fuoco. Se c’è un odore che ha il potere di catapultarci immediatamente nella magica atmosfera autunnale è proprio quello delle caldarroste.

Non ti abbiamo ancora convinto? Allora scopri la nostra selezione delle più gustose e sane ricette a base di castagne. Continua a leggere.

Leggi anche: “Cibi autunnali: quali mangiare per stare bene”.

Le migliori ricette con le castagne

Come si possono mangiare le castagne? In tantissimi modi. Dall’antipasto al dessert, passando dai primi e secondi piatti con castagne. Questo frutto si presta a diverse preparazioni dalle più semplici e tradizionali alle più raffinate e gourmet.

I marroni, ad esempio, una varietà molto più dolce della media delle castagne e con una forma più regolare, sono molto impiegati nelle preparazioni di pasticceria. Dai marron glacé alla confettura.

Cotte al forno, sbucciate ed essiccate, le castagne possono essere ridotte in finissima farina per realizzare torte ma anche pane e pasta fatta in casa dal sapore più deciso e perfetta da abbinare a ingredienti come funghi, speck, frutta secca e zucca.

Di primi piatti con le castagne ce ne sono a iosa, ma una combinazione gustosa è quella con i legumi. Zuppe di lenticchie, ceci e fagioli con l’aggiunta di questi deliziosi frutti sono il comfort food perfetto per affrontare i primi freddi a tavola.

Anche nei secondi piatti le castagne danno il meglio di sé, soprattutto se accompagnano arrosti di maiale e selvaggina, ma anche come ripieni di torte salate, pollo e tacchino,

Come vedi di ricette con le castagne fresche ce ne sono tantissime. Abbiamo pensato di proportene 3 soltanto, ma con qualche suggerimento goloso per portarle in tavola. A nostro avviso queste sono le migliori, le più classiche quando si pensa a come utilizzare le castagne in cucina, ma anche le più gustose e sane.

1.Risotto con castagne 

È il risotto autunnale per eccellenza, un primo piatto 100% vegetale perfetto in un menù a base di castagne. Si tratta di una ricetta molto sostanziosa perché le castagne sono frutti calorici, ma anche molto sani perché ricchi in fibre e sali minerali e poveri di grassi. Per esaltare il sapore puoi abbinarle a funghi e zucca. 

Ma veniamo alla ricetta del risotto. Ecco gli ingredienti che ti serviranno per realizzarlo, le dosi sono per circa 4 persone:

  • 350 gr riso carnaroli;
  • una manciata di funghi porcini secchi;
  • 400-500 gr zucca;
  • 15 castagne lesse;
  • 1 scalogno;
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 lt brodo vegetale;
  • ½ bicchiere vino bianco secco;
  • olio di oliva q.b.;
  • sale e pepe q.b.

Comincia facendo rinvenire i funghi secchi in acqua tiepida per una decina di minuti. Pulisci poi la zucca: sbucciala, privala di semi e filamenti, e infine tagliala a cubetti.

In una casseruola far imbiondire uno spicchio d’aglio in un fondo d’olio di oliva, quindi unisci la zucca tagliata. Aggiungi il sale e lascia cuocere con coperchio, finché la zucca non si sarà ammorbidita. A questo punto elimina l’aglio, trasferisci la zucca in un mixer e frulla fino a renderla cremosa. 

È il momento delle castagne: incidile e mettile a bollire per circa 10 minuti. Sbucciale quando sono ancora calde e riducile a briciole.

Proseguire con la preparazione del risotto. Fai rosolare lo scalogno tritato in una pentola con un filo d’olio, aggiungi i funghi secchi tagliati e lascia insaporire per qualche minuto. Unisci ora il riso, fai tostare per alcuni minuti e sfumare con il vino bianco. 

Aggiungi poi le castagne e continua la cottura aggiungendo il brodo poco alla volta. Porta il riso a cottura e poco prima di spegnere, aggiungere la zucca in crema.

2.Castagne bollite 

Le castagne bollite sono un piatto tipico di moltissimi paesini dell’entroterra italiano. È una ricetta povera, ma anche la più semplice e gustosa. Non servono dosi precise per realizzarla, ma per una buona riuscita è necessario seguire alcuni step fondamentali.

Prima di tutto, lava bene le castagne sotto l’acqua fredda corrente per togliere tutte le impurità. Fatto questo ci sono due opzioni per cuocerle, ovvero:

  • Cotte con entrambe le bucce;
  • Lessate con la sola pellicina interna.

Nel primo caso, mettile in una pentola dai bordi alti e coprile di acqua fredda. Per un 1 Kg di castagne ci vorranno circa 3 litri di acqua. Aggiungi qualche foglia di alloro e un pizzico di sale.

Metti la pentola su fuoco moderato, copri con un coperchio e lascia cuocere circa 40-45 minuti dalla bollore. Prima di scolarle, controlla con i rebbi della forchetta che siano morbide.

Una volta pronte, scolale e mettile subito su un canovaccio pulito. A questo punto dovrai sbucciarle e spellarle delicatamente, che è l’operazione più complessa. Ma tolte buccia e pellicina sono pronte da mangiare.

Se invece vuoi lessarle dopo aver asportato la buccia esterna, in questo caso i tempi di cottura si riducono a circa 15 minuti. Anche in questo caso però dovrai togliere la pellicina interna prima di consumarle.

E non è tutto qui. Sì, perché le castagne bollite le puoi utilizzare per preparare moltissime altre ricette dolci.

Ridotte a purea, miscelate con zucchero, acqua, cioccolato fondente e cacao, e cotte sul fuoco, diventano una deliziosa crema per farcire crostate e biscotti. Un altro grande classico sono le castagne sciroppate al rum o al liquore strega, un fine pasto unico e delizioso.

3.Castagne al forno 

Altro grande classico della tradizione autunnale sono le castagne al forno. Ci sono tanti modi per prepararle, dal forno classico al microonde, fino alla friggitrice ad aria.

Il segreto per farle venire morbide e fragranti però è tenerle in ammollo in acqua fredda e sale per almeno 1 h. In questo modo non solo si ammorbidiscono ma saranno anche più facili da sbucciare una volta cotte.

Di castagne al forno puoi trovare in rete tante ricette facili da realizzare. Noi però vogliamo consigliartene una in particolare: castagne aromatizzate al sale e rosmarino. Si tratta di un modo alternativo per portare le classiche caldarroste, ma ugualmente saporito.

Prima di tutto seleziona le castagne che abbiano la stessa dimensione: in questo modo si cuoceranno in maniera uniforme. Incidile, praticando un taglio a  croce con un coltellino. Man mano che procedi, mettile in una ciotola piena di acqua.

Lasciale in ammollo per 1 h. Dopo di che asciugale bene con un panno pulito e disponile su una teglia rivestita di carta forno. Condiscile con sale grosso e rosmarino e cuoci in forno già caldo a 180°C per circa 30-35 minuti se hanno una pezzatura medio-grandi. Se sono piccole possono bastarne anche 25.

Ora che sai quali ricette con castagne devi assolutamente provare quest’autunno, vediamo anche perché questo frutto è un vero e proprio concentrato di benessere.

Leggi anche:Benefici e proprietà della zucca: la regina dell’autunno”.

Perchè cucinare con le castagne: benefici e proprietà

Fonte preziosa di vitamine, sali minerali e fibre, le castagne offrono tanti benefici alla salute dell’organismo. Per questo non dovrebbero mai mancare sulle nostre tavole.

Dal punto di vista nutrizionale hanno un elevato contenuto di carboidrati complessi e dunque di calorie: circa 280 per 100 gr. Non a caso, nell’antichità venivano soprannominate come “il pane dei poveri” o “il cereale che cresce sull’albero”, proprio per la loro capacità di sostituire il frumento  ma con il vantaggio che sono prive di glutine.

Questi frutti sono ricchi poi di aminoacidi essenziali, minerali – soprattutto potassio, ferro e fosforo – e vitamine A, del gruppo B, C e D. Tutte sostanze benefiche per il nostro organismo e, infatti, le castagne sono particolarmente utili per

  1. Combattere la stitichezza grazie all’alto contenuto in fibre;
  2. Migliorare il sistema nervoso e potenziare attenzione e memoria;
  3. Contrastare stress, depressione stagionale e stanchezza psicofisica;
  4. Aumentare il senso di sazietà;
  5. Tenere sotto controllo il colesterolo perché ricche in acidi grassi Omega 3 e 6.

Inoltre, il contenuto di ferro e acido folico le rende particolarmente consigliate in gravidanza per compensare una potenziale anemia e favorire lo sviluppo corretto del feto.

Le castagne non hanno controindicazioni, se non quelle dovute all’elevato contenuto in amido. Per questo sono sconsigliate a chi soffre di diabete e a chi è affetto da disturbi gastrointestinali. Per tutti gli altri, invece, non ci sono limiti.